D. I 7 PERSONAGGI

Apocalisse 12, 13.
Sette personaggi che operano durante gli ultimi giorni della Tribolazione

Apocalisse 12:1, 2.
1° personaggio – la donna (Israele)

1. La donna.
Questi sono i personaggi che saranno in scena durante gli ultimi giorni della Grande Tribolazione, prima del ritorno di Cristo. Nell’Apocalisse sono registrati sia gli eventi storici del conflitto finale, sia gli aspetti spirituali nascosti.
Il grande “segno nel cielo” è la “donna”, (Apocalisse 12:1), che sembra simboleggi Israele:
è vestita con splendore regale, e dodici stelle rappresentano le dodici tribù (cfr. il sogno di Giuseppe – Genesi 37:9, 10). D’altronde, l’A.T. parla spesso di Israele come di una donna sposata (Isaia 54:1, 6) adultera ed infedele, (Isaia 47:7-9; Isaia 50:1; Geremia 3:1-25; Osea 2:1-23).

2. Le doglie della donna. Si riferiscono all’agonia di Israele durante la Grande Tribolazione. Il simbolo della nascita era comune nell’A.T. per descrivere atroci sofferenze e, soprattutto, “il tempo di angoscia di Giacobbe” (Geremia 30:5-7; Isaia 26:15-18; Isaia 66:7). Durante questo terribile travaglio la nazione avrebbe dato vita al “rimanente fedele” (cioè coloro che si convertiranno alla predicazione dei 2 profeti), (Apocalisse 12:17; cfr. Michea 5:2, 3), che sarà strettamente associato con il figlio maschio: Cristo, (Apocalisse 12:5).

Apocalisse 12:3, 4.
2° personaggio – il dragone (Satana)

3. Il dragone in visione profetica.
Il dragone è il diavolo in persona (Apocalisse 12:9), non altro che un enorme serpente (cfr. Genesi 3:1-10). Nei libri poetici dell’A.T. figura talvolta come un mostro marino. Il colore “rosso” simboleggia il suo carattere omicida (Apocalisse 6:4; Giovanni 8:44), le sue “sette teste e dieci corna e sulle teste sette diademi” accennano al regno nefasto del principe di questo mondo (II Corinzi 4:4), che avrà come agente sulla terra proprio l’Anticristo (Apocalisse 13:1-10; Dan. 7:8, 24).

4. Il dragone in prospettiva storica.
La prima parte del versetto si riferisce alla caduta del diavolo, al tempo in cui sedusse un gran numero di esseri celesti, paragonati alle lucenti stelle del firmamento (Isaia 14:12-14; Ezechiele 28:12-15). La seconda parte si riferisce invece al tentativo di Satana di uccidere il figlio maschio che sarebbe uscito da Israele: il Messia, perseguitato da Satana sin dalla nascita (Genesi 3:15; Matteo 2:16).

Apocalisse 12:5, 6.
3° personaggio – il figlio maschio (Cristo)

5. Il figlio maschio. Vengono dichiarati quattro eventi:
1. la Sua nascita, (Apocalisse 12:5a);
2. il Suo compito, (Apocalisse 12:5b), che è quello di distruggere i Suoi nemici (Salmi 2:9) e poi governare secondo giustizia;
3. la Sua ascensione, (Apocalisse 12:5c);
4. la Sua posizione, (Apocalisse 12:5d; Apocalisse 3:21). Egli è destinato a regnare. Poiché Satana sa tutto questo, insegue la donna (l’Israele fedele).
6. La fuga della donna. Il grande intervallo dell’era cristiana è contenuto in Apocalisse 12:5, 6. Apocalisse 12:6 è già la descrizione della fuga di Israele (del rimanente fedele) nel deserto (Petra, in Edom? cfr. Matteo 24:16; Daniele 11:41), dove sarà sostenuto per tre anni e mezzo: la terribile persecuzione di Satana effettuata tramite la bestia (II Tessalonicesi 2:3-7).

Apocalisse 12:7-12.
4° personaggio – l’arcangelo Michele

7-9. Michele. Michele ha il compito di proteggere il popolo di Israele, (Apocalisse 12:7a; Daniele 12:1; cfr. Daniele 10:13-21), e oltre a ciò, è coinvolto nella guerra che determina l’espulsione di Satana dai cieli, (Apocalisse 12:7b). Sin dalla sua ribellione originale, Satana e i suoi eserciti hanno avuto accesso ai cieli (Giobbe 1:6; Giobbe 2:1; Genesi 3:1-10; Efesini 2:2; Efesini 6:10-12), ma nel mezzo della Grande Tribolazione il diavolo e i suoi angeli saranno espulsi e gettati sulla terra, (Apocalisse 12:7-9; cfr. Daniele 10:10-14).

10-12. Esultanza per l’espulsione di Satana.
Vediamo la Chiesa (si noti il termine “fratelli”, Apocalisse 12:10) esultare per questa prima vittoria su Satana, il quale non potrà più accusare i servi di Dio. La vittoria è stata resa possibile dal sacrificio di Cristo e da una testimonianza fedele, e i cieli e tutte le creature angeliche vengono invitate a gioire. Però, per l’umanità verranno giorni ancora più difficili dei precedenti, infatti, a metà della Grande Tibolazione (dopo 3 anni e mezzo) Satana, sapendo di essere stato sconfitto e di avere poco tempo, si scaglierà con tutto il suo furore contro coloro che, nonostante i tempi difficili, resteranno fermi nella loro fede.
Gli assertori del Rapimento della Chiesa prima dell’inizio della Grande Tribolazione, in questo caso, si riferiscono a tutti coloro che, non avendo accettato la GRAZIA possono ora ancora salvarsi “morendo” per non ricusare la fede in Gesù. Essi dicono che fino alla Grande Tribolazione vi era il tempo dell’Evangelo della Grazia, mentre il periodo della tribolazione rappresenta l’Evangelo del Regno.

Apocalisse 12:13-16.
Satana perseguita la donna

13, 14. La ragione della persecuzione.
Conoscendo la propria fine, e non reagire contro Dio, il dragone si scaglia con tutta la sua ferocia contro la donna (Israele) che ha dato alla luce Cristo. Per raggiungere i suoi malefici scopi si servirà del falso profeta e dell’anticristo. Il mondo assisterà a falsi miracoli, segni e prodigi ingannevoli (cfr. II Tessalonicesi 2:9, 10).
Le ali di aquila date alla donna affinché voli nel deserto, (Apocalisse 12:14), ricordano la liberazione dall’Egitto che l’Eterno concesse ad Israele (Esodo 19:4; Deuteronomio 32:11-14; Isaia 16:20; Isaia 27:1). L’Eterno sarà il protettore del Suo popolo per i rimanenti tre anni e mezzo, (Apocalisse 12:14b), ossia quando “a metà della settimana, farà cessare sacrificio e oblazione; e sulle ali delle abominazioni verrà un devastatore” (Daniele 9:27). Questo dovrebbe essere il tempo in cui l’Anticristo giungerà letteralmente “al punto di porsi a sedere nel tempio di Dio (ricostruito in Gerusalemme dai giudei), mostrando se stesso, e dicendo che egli è Dio” (II Tessalonicesi 2:4). Daniele ha definito questo atto: “l’abominazione della desolazione “. Di esso ci ha parlato il Signore Gesù Cristo (Matteo 24:15-22; Luca 21:20-24).

15, 16. La preservazione di Israele.
Il serpente (Satana) getta dalla sua bocca “acqua a guisa di fiume”, (Apocalisse 12:15), nel tentativo di uccidere la donna (Israele) (secondo me i pochi veri fedeli). Quest’acqua simboleggia le nazioni gentili (Apocalisse 17:15), satanicamente influenzate da un antisemitismo sempre più crescente. “Ma la terra soccorse la donna; e la terra aprì la sua bocca e inghiottì il fiume”, (Apocalisse 12:16). La “terra” per contrasto indicherebbe quelle nazioni amiche d’Israele che accorreranno in suo aiuto.

Apocalisse 12:17.
Quinto personaggio – il rimanente israelita

7. Il rimanente fedele.
A questo punto, Satana si scaglia contro “il rimanente” fedele dei giudei (gli individui e non la nazione), coloro che sono ancora nel paese (cfr. Isaia 1:9; Isaia 6:13; Romani 11:5) e che non sono fuggiti nel deserto (ubbidendo all’ammonimento di Dio) quando è scoppiata la “Grande Tribolazione” (Matteo 24:15-20), i quali mediante la predicazione dei due testimoni e dei 144.000 si erano convertiti a Cristo.

Apocalisse 13:1-10.
Sesto personaggio – la bestia che sale dal mare (l’anticristo)

1, 2. La bestia – il capo romano.
L’ultimo grande capo della potenza mondiale gentile sorgerà durante un quadro politico in agitazione (“il mare”, Isaia 57:20), (Apocalisse 13:1a), e rappresenterà sia un impero politico che una persona: l’anticristo.
Le sette “teste” dovrebbero simboleggiare sette capi del rinato impero romano (Apocalisse 17:9, 10); le “dieci corna” sono una confederazione di Stati (Apocalisse 17:12-14): la quarta bestia di Daniele (cfr. Daniele 7:7, 8, 23-28); i “diademi” sulle corna simboleggerebbero il loro potere dispotico. Il dragone, che ha “sette teste e dieci corna e sulle teste dieci diademi” (Apocalisse 12:3) è la forza che anima e ispira la bestia, (Apocalisse 13:1, 2). Egli darà alla bestia ricchezza e posti di comando, proprio come cercò di fare con Gesù Cristo (cfr. Luca 4:6). La “potenza” di Satana, a suo tempo rifiutata da Cristo, viene invece accettata volentieri dalla bestia che sale dal mare. La bestia sfida apertamente Dio come indicato dai “nomi di bestemmia” (onoma blasphemias, genitivo di qualità che può essere reso anche con “nome blasfemo”. Non si può stabilire se ciascuna testa abbia lo stesso nome, o ciascuna un nome diverso, (Apocalisse 13:1c). Il suo impero condivide tutte le qualità diaboliche dei precedenti imperi mondiali dei “tempi dei gentili”, (Apocalisse 13:2; cfr. Daniele 7:4-6): l’agilità del leopardo nella conquista (macedone), la voracità dell’orso la forza del leone (babilonese).
3-5. La bestia ferita.
Non tutti, però, saranno disposti ad accettare il dominio dell’Anticristo, e qualcuno gli tenderà un agguato che lo ferirà mortalmente, (Apocalisse 13:3a). Tuttavia, grazie al “miracolo” di menzogna non morirà, (Apocalisse 13:3b) , e ciò spingerà la gente a deificarlo, (Apocalisse 13:4a; cfr. II Tessalonicesi 2:4). Quando si riprenderà sarà più forte di prima ed estenderà la sua potenza mediante conquiste vertiginose a tal punto che tutta la terra, invasa dal terrore e dall’ammirazione, griderà: “Chi è simile alla bestia? E chi può guerreggiare con lei?”, (Apocalisse 13:4b). Una formula di adorazione simile a quelle indirizzate a Dio nell’A.T. (cfr. Esodo 15:11; Salmi 35:10; Salmi 71:19; Deuteronomio 33:26). Gli ultimi tre anni e mezzo della Grande Tribolazione saranno ancora più terribili, (Apocalisse 13:5).

6-10. La malvagia carriera della bestia.
La bestia bestemmia Dio e coloro che Gli appartengono, (Apocalisse 13:6), e perseguita i santi, (Apocalisse 13:7a) .
Per gli assertori del Rapimento prima, non si tratta della Chiesa, (cfr. Apocalisse 4:1, 2), ma degli israeliti e di tutti coloro che in quel momento si schiereranno dalla parte di Dio (cfr. Apocalisse 13:15; Daniele 7:21-25). Alla bestia viene concessa potenza senza restrizioni su tutti gli abitanti della terra (eccetto che sugli eletti), (Apocalisse 13:8-10; cfr. Matteo 24:13, 22), che l’adoreranno (proskynesousin auton – lett. adoreranno lui). Il termine originale “auton”, che è di genere maschile, pur essendo apposizione di “tò therion” (la bestia), (Apocalisse 13:4), che è di genere neutro. Da un punto di vista grammaticale questo significa che la “bestia” non è tale nel senso ordinario del termine ma che simboleggia un essere umano: l’Anticristo, l’uomo del peccato (II Tessalonicesi 2:3-13; I Giovanni 2:18, 19, 22; I Giovanni 4:3).

Apocalisse 13:11-18.
Settimo personaggio – la bestia che sale dalla terra (il falso profeta)

Questo terzo personaggio, che completa il trio satanico, sorge dalla terra, (Apocalisse 13:11a), che dovrebbe simboleggiare il mondo religioso rispetto a quello politico (il mare). Si tratta del “profeta” della prima bestia (l’Anticristo), (Apocalisse 13:11b), un personaggio politico-religioso che fungerà da conquistatore d’anime per l’Anticristo, e farà in modo che tutti adorino l’Anticristo facendo anche ricorso a prodigi bugiardi, (Apocalisse 13:12-14): darà vita all’immagine della bestia ed ucciderà coloro che non l’adorano, (Apocalisse 13:15; cfr. II Tessalonicesi 2:9-11; Daniele 3:1-30). Tutti gli abitanti della terra dovranno ricevere un marchio, sulla mano destra o sulla fronte, senza il quale non sarà possibile compiere alcuna attività, (Apocalisse 13:16, 17). Questa è la caratteristica di tutti i regimi totalitari, che tendono a controllare la vita privata dell’individuo, privandolo delle più elementari e legittime libertà. Nonostante i numerosi tentativi per cercare di il “numero della bestia” (666) in alcuni nomi, computer, sistemi monetari e simili, la sua natura precisa è ignota e sarà svelata solo all’avvicinarsi della fine. Apocalisse 14. (ne tratteremo in un capitolo a parte.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 10 follower